ma a Gubbio piove sempre ?

Non so le volte che sono stata a Gubbio ma so per certo ogni volta pioveva.

E se di norma viene chiamata la città grigia, per via dei blocchi di calcare con cui è costruita, non vi dico come diventa sotto una pioggerella fitta e dispettosa !

Eppure a me sembra sempre uno dei posti più belli al mondo.

  Nonostante i turisti che l’affollano riesce sempre a mantenere una tranquillità di fondo ed è un piacere vagabondare per le sue strade che emanano una sorta di accogliente familiarità.

Suppongo sia per l’assoluta mancanza di “business turistico” che la caratterizza.

Pochi negozi di gingilli, nessun cinese a vendere paccottaglia…i bar son gli stessi di sempre con tanto di anziani del posto che bevono il vino.
Ma noi questa volta ci siamo andati con un obiettivo preciso, ovvero il Festival del Medioevo.

Non una sagra, non una rievocazione ma un incredibile ciclo di conferenze ed eventi a carattere storico, pensati esclusivamente per un’utenza interessata e partecipe.

La definizione “incredibile” viene dalla quantità dei partecipanti, che è al di sopra di ogni aspettativa.

Aula zeppa e gente in piedi per ascoltare uno storico parlare della città come principio ideale. A me è sembrato quasi un miracolo.

E miracoloso è anche l’interesse che l’oratore è riuscito a creare in ognuno di noi ( in Attilio un po’ meno 😉 ), tanto che nonostante il caldo e la scomodità abbiamo rimpianto tutto quello che ci eravamo persi arrivando di pomeriggio e ci siamo più volte ripromessi che l’anno prossimo piazzeremo i nostri sederi su una di quelle sedie e ci spareremo tutte le conferenze senza mai alzarci !

Ovviamente abbiamo approfittato dell’occasione per visitare il museo di Gubbio che ha una sezione antica molto bella e una contemporanea che in me personalmente non ha suscitato grandi emozioni ( ma proprio per una mia avversione a questo tipo di arte ) ma che è comunque molto ben allestita e gestita, all’interno di una bellissima area completamente rimodernata.

In parallelo al Festival c’erano delle iniziative legate agli sport e alle arti che affondano le loro radici nel medioevo.

Inutile dire che la mia preferita è stata l’area dedicata alle miniature e alla calligrafia.

Le opere di Svetlana Molodchenko mi hanno letteralmente folgorata e mi sembra incredibile che un talento così grande riesca a convogliarsi dentro a delle miniature minuscole.

 

Insomma, non importa se ho sentito caldo, freddo, umido e se ad un certo punto son dovuta correre a comprarmi un ombrello.

Gubbio è uno dei miei luoghi del cuore, con la sua pioggia, i suoi vecchi e i suoi scorci da brivido.

Annunci

4 thoughts on “ma a Gubbio piove sempre ?

  1. Che meraviglia questo giro che ci hai fatto fare! A Gubbio sono stata in gita alle scuole medie, ma devo dire che non mi ricordo molto se non la chiesa principale che hai fotografato. Bellissima anche la parte sulla miniatura e la calligrafia. Bellissimo giro 🙂

  2. Beati loro che ci piove sempre!!! Qui implorano di nuovo la pioggia e a Terracina questi giorni facevano il bagno a mare….Sono stata, con un gruppo della parrocchia, tante di quelle volte ad Assisi e mai a Gubbio, l’unica volta che sono andati io non c’ero…Da quando ho rimirato le tue foto chiedo a mio marito le distanze tra Pesaro Gubbio e Terracina Gubbio, ma non avendo opportunità di controllare è stato molto vago. Ora ho controllato e siamo molto più lontani noi, anche se pensavo quasi il contrario o più o meno uguali…Poi quante belle iniziative …e quell’oratore sarà stato davvero molto bravo per accaparrarsi tutte quelle persone e il tuo pensiero e proposito …Io penso però che avrei preferito perdermi nelle viste panoramiche e tra quei vicoli..con la mente impegnata a intessere storie di persone e di vite passate e di ora…Bellissima Gubbio!!! Avrà ragione mio marito che in queste città senza il mare sono più impegnate in festival, feste e iniziative varie .Da Parma, qualche settimana fa , mia figlia mi inviava foto e video bellissimi del festival di Verdi con concerti all’alba cori ecc..ecc..Ieri sera era al teatro Farnese di Parma per vedere” Amami Alfredo, amami come io T’amo” La Traviata secondo Lella Costa. Mio figlio per questo weekend e a Verona per un congresso,dove sarà relatore di una sezione…. Io sempre il solito tran tran lavoro casa – casa lavoro …e piccoli ricami …Volevo fare un post proprio sui video e foto che mi hanno inviato i miei figli nei loro viaggi …ma poi….forse prima o poi…
    Tantissime belle cose

    • Francarita ! Accidenti non avevo risposto a questo tuo commento…! Ho avuto talmente tanti grattacapi con ‘sto blog ultimamente che arrivo al computer sempre nervosa e delle cose belle mi dimentico ! Ma ora le cose sembrano essere tutte sistemate ( più o meno) ed è di nuovo un piacere mettermi qui a chiacchierare !
      Spero tu non ti sia offesa !
      Ma non sai quante vote dal telefono controllo se hai postato qualcosa e penso a cosa starai facendo laggiù nella tua campagna.
      Che qui oggi c’è un gran sole ma anche un vento fortissimo e questo ci frega perchè io il vento non lo sopporto proprio, poi da quando son diventata vecchia mi basta un niente che mi viene il mal di collo ( sarà cervicale ?) e quindi penso che pur essendo domenica me ne starò a casa a far le cose che mi piacciono.
      Dovrei prendermi la briga di fotografare un po’ di cose che sto facendo ma il più delle volte parto in quarta e me ne dimentico !
      Un abbraccio grande grande!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...